CESSIONE DIRETTA O SCONTO IN FATTURA

Come avviene la detrazione?

La detrazione del Superbonus va ripartita tra gli aventi diritto in 5 quote annuali di pari importo.

Se il credito del Superbonus non viene ceduto e i lavori vengono pagati subito, l’importo viene recuperato sotto forma di riduzione delle tasse da pagare nei 5 anni successivi, entro i limiti di capienza dell’imposta annua derivante dalla dichiarazione dei redditi

Perchè cedere il credito?

La cessione del credito è una valida opzione nel caso in cui non si disponga della capacità economica immediata o anche solo perchè, per i lavori di rilevante importo che vanno detratti in 5 anni, si potrebbe non avere la capienza fiscale necessaria.

Come si può cedere il credito?

Si può scegliere di optare, invece della detrazione, per la cessione del credito, a un ente (istituti bancari, alle società fornitrici di energia, ecc.) che provvederà poi a pagare l’impresa, oppure si può chiedere al’impresa un contributo anticipato sotto forma di sconto in fattura, attraverso il quale l’impresa incamera il credito, che potrà poi cedere ad altri.

La scelta della soluzione migliore dovrà avvenire caso per caso, valutando i costi di ogni opzione.

Verifichiamo insieme la vostra situazione, scriveteci a info@edilconti.it

La guida dell’Agenzia delle Entrate è reperibile qui.

COME SAPERE SE PUOI RICHIEDERLO

Vediamo insieme quali sono i vincoli e quali gli interventi ammessi

GLI ALTRI BONUS

Ristrutturazione, Facciate, ecc.

condividi questo articolo

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Verifichiamo insieme la vostra situazione, scriveteci a info@edilconti.it